A Roma lo storico Tiberino si rinnova. E punta su multiofferta e orario “all the day”

Isola Tiberina è una location unica, dove storia e leggenda si fondono con le origini stesse di Roma. Proprio qui, fra il Ponte Quattro capi e la piazza S. Bartolomeo, dagli anni '30 la famiglia Bungaro gestisce il Tiberino, un bar tabaccheria, che è anche gelateria artigianale e gastronomia. Oggi questo stesso locale si è del tutto rinnovato grazie a Giuseppe Bungaro, che ha aggiunto alla precedente formula anche la parte bistrot-ristorante, con proposte gastronomiche inesistenti finora sull’Isola grazie anche alla consulenza della Laurenzi Consulting che  ha curato tutte le fasi d’ideazione e realizzazione del progetto.

Il Tiberino, con la sua offerta  poliedrica e i suoi tavolini nella storica piazza, è aperto tutti i giorni dalla mattina al dopocena, a partire dalla classica colazione (all’italiana o  all’inglese) per arrivare alle proposte dalla cucina sempre disponibili che variano dai panini a piatti semplici, ma sfiziosi come le alici fritte con panure di pistacchi e crema di peperoni o burger di baccalà impanato, a quelli più elaborati come la vignarola estiva con fonduta di pecorino o la battuta di manzo con olive, capperi e crema di carote, con un occhio di riguardo ai piatti della tradizione romana.

All'ora dell'aperitivo (dalle 18,30) si possono degustare ottimi miscelati, birre artigianali, aperitivi classici e nuove proposte studiate e realizzate dai barman del Tiberino, accompagnati dagli sfizi della cucina.

Per la cena il menu si fa più articolato e lo chef Luca Mattana propone in diverse variazioni di stile con antipasti (vellutata di patate e porri con cozze e finocchietto), primi (gnocchi di patate con cozze, vongole, zafferano e bottarga) secondi di carne e pesce (baccalà in guazzetto agrodolce con panzanella), contorni di stagione e dolci golosi. A completare il tutto, la gelateria, aperta fino alle 23.

 

Pubblica i tuoi commenti