Con Orogel, piatti che fanno bene a tutti, cuochi compresi

Essere sempre pronti a essere propositivi con nuove offerte e proposte. Questa è la la dura legge del mercato. O meglio del foodservice. Ne sono convinti alla Orogel, leader italiano nella produzione di alimenti e verdure surgelate che ha chiuso il 2015 con un fatturato relativo ai surgelati di 196 milioni di euro (+8,9% rispetto al 2014) con un trend di crescita stimato dal 2009 ad oggi del 22%. Una performance positiva frutto anche di uno scenario favorevole a livello alimentare, in cui sono sempre più gli italiani alla ricerca di uno stile di vita sano ed equilibrato e che si rivolgono a prodotti salutistici, a base vegetale e facili da preparare.

Questo fenomeno è presente non solo nel largo consumo, ma anche nel fuori casa. Orogel è presente in entrambi i mercati ma è specialmente nel foodservice che ha sviluppato un’attenzione particolare ai bisogni degli chef, costruendo una ricca e sempre aggiornata proposta di ricette e soluzioni “veloci” e ad alto contenuto di servizio che soddisfano la domanda trasversale di salutismo. Basti pensare agli ultimi lanci delle Creme e delle Puree create con la tecnologia “in gocce”, che consente dosaggi su misura per tenere sotto controllo il food cost, o ai mix benessere Legumi e Risi con semi di girasole, per servire piatti unici gustosi e ideali anche a una clientela celiaca (per avere una panoramica dell’offerta basta cliccare su orogel.it, sito premiato recentemente con l’Interactive Key Award per la comunicazione interattiva).

Orogel si definisce il miglior amico dello chef. E non è un mero slogan. Il gruppo ha investito moltissimo negli ultimi dieci anni nel foodservice e proprio per essere sempre in linea con i desiderata dei professionisti ha creato un Team Chef, gruppo di cuochi impegnato sia internamente in attività di ricerca&sviluppo, sia esternamente in attività di formazione su tutto il territorio nazionale. Attività che si declinano in dimostrazioni, organizzate da Orogel, e in show cooking a invito promossi dai clienti grossisti.

«Ma il lavoro più impegnativo - sottolinea Luca Pagliacci, direttore marketing di Orogel - è quello di stimolare il ristoratore a considerare non solo la variabile prezzo. Noi offriamo un prodotto omogeneo in tutti i calibri, privo di glassatura e di alta qualità che garantisce un’ottima resa in cottura. E che quindi risulta molto più conveniente di un prodotto che all’origine può apparire meno costoso».

Il prossimo mese Orogel lancerà una App gratuita scaricabile su cellulari e tablet in grado di calcolare esattamente il food cost dei prodotti utilizzati in cucina. In questo modo il ristoratore potrà in tempo reale farsi un’idea del valore concreto delle diverse proposte gastronomiche.

Pubblica i tuoi commenti