Cucinare alla bolognese

I ristoranti che hanno aderito all’iniziativa Menù Vera Bologna propongono i piatti dell’autentica tradizione, per farli scoprire (o riscoprire) a clienti italiani e stranieri

Un’iniziativa che coinvolge oltre 100 ristoranti in città e provincia, dalla trattoria al locale storico, ogni giorno per oltre 7 mesi: numeri di tutto rispetto per “Menù Vera Bologna”, operazione promossa da un ampio fronte di associazioni, con il sostegno delle istituzioni locali.
Obiettivo: rilanciare la città come capitale della buona tavola, valorizzandone l’antica tradizione gastronomica, la storia e la cultura. E promuovere l’autentica cucina bolognese, spesso vittima di cattive imitazioni e invenzioni discutibili.

Sul sito ci sono le schede dei locali che hanno aderito
Chi sceglie un 
“Menù Vera Bologna” sa di gustare i piatti della migliore tradizione, realizzati nel rispetto delle ricette che l’Accademia Italiana della Cucina ha depositato presso la locale Camera di Commercio. Dalla galantina di pollo alla spuma di mortadella tra gli antipasti, dal ragù alla bolognese alla zuppa imperiale tra i primi, per poi passare a secondi come il cappone ripieno o la cotoletta alla bolognese, accompagnati, magari, da friggione (salsa a base di cipolle e pomodori freschi), per finire in dolcezza con una torta di riso o una pinza di Bologna: sono 16 le ricette tipiche a disposizione degli chef che hanno aderito all’iniziativa e che sono stati selezionati per vicinanza, servizio e vocazione alla cucina tradizionale di qualità.
I ristoranti propongono un menù fisso di 3 portate a scelta tra primo, secondo, contorno e dessert (più vino e acqua) al prezzo prestabilito di 25, 35 o 45 euro. I ristoratori hanno stabilito in quale fascia di prezzo inserirsi e si sono impegnati a proporre ogni giorno il menù vera Bologna, variandolo settimanalmente. L’operazione “Menù Vera Bologna” proseguirà fino al 30 novembre, con un’intensa attività di comunicazione in Italia e all’estero. Il portale creato per l’occasione (menuverabologna.it) è disponibile in sette lingue, tra cui russo e cinese.

Pubblica i tuoi commenti