Rottamazione & co: arriva un fisco meno vessatorio?

La manovra di fine 2016 ha portato molte novità, tra cui una rivoluzione nella determinazione del reddito delle ditte individuali e società di persone in contabilità semplificata e un cambiamento nella tassazione di quelli in contabilità ordinaria. La manovra è articolata in due provvedimenti: il decreto legge n. 193/2016 e la legge di bilancio 2017 (n. 232/2016).

Riassumiamo di seguito per punti le principali novità introdotte.

Rottamazione cartelle. È stata introdotta la possibilità di sanare le cartelle 2000-2016 insolute - entro il 31 marzo 2017 - pagando solo le somme per capitale, interessi legali, aggio, di diritti di notifica ed eventuali spese esecutive. Non sono invece più dovute le sanzioni, gli interessi di mora e le somme aggiuntive gravanti su crediti previdenziali. Il pagamento può avvenire in un’unica rata o in un massimo di cinque rate scadenti nel 2017 e 2018.

Abolizione Equitalia. Dall’1 luglio 2017 le funzioni di Equitalia saranno trasferite a un nuovo ente “Agenzia delle entrate Riscossione”. Non cambiano le condizioni sottostanti agli incassi di imposte tramite ruoli: si tratta di un cambiamento solo di facciata.

Detrazioni per ristrutturazione edilizia e risparmio energetico. Sono prorogate al 31/12/2017  (2021 per i condomìni) le detrazioni del 50 e 65%, rispettivamente per ristrutturazione edilizia e risparmio energetico. Prorogata di un anno anche la detrazione per l’acquisto di mobili destinati a immobili che abbiano subito interventi di ristrutturazione.

Spesometro. Le fatture emesse e ricevute dovranno essere comunicate trimestralmente e non più annualmente, entro la fine del secondo mese successivo a ciascun trimestre solare. Per il 2017 i primi due trimestri andranno inviati insieme entro il 25 luglio 2017 (ma la materia è ancora oggetto di discussione).

Liquidazioni Iva. È un nuovo adempimento: i dati delle liquidazioni periodiche iva dai quali risultano i crediti o debiti di periodo dovranno essere comunicati trimestralmente, entro la fine del secondo mese successivo a ciascun trimestre solare.

Distributori automatici. Dall’1 aprile 2017 i distributori automatici dovranno essere muniti di apparecchiature che effettuino automaticamente la memorizzazione elettronica e la trasmissione telematica dei dati dei corrispettivi incassati.

Estromissione immobili e assegnazioni ai soci. L’agevolazione per effettuare l’estromissione di immobili dal regime di impresa e per le assegnazioni di beni ai soci di società è stata prorogata fino al 30 settembre 2017.

Regolarizzazione attività finanziarie possedute all’estero. I termini per la “voluntary disclosure” sono stati prorogati al 31 luglio 2017.

Aiuto per la crescita economica (Ace). L’aliquota di rendimento nozionale per il calcolo del reddito detassato viene ridotta dal 4,75 al 2,75 (per il 2017) e al 2,3% (dal 2018).

Detrazione per spese scolastiche. Aumentati gli importi massimi su cui calcolare la detrazione d’imposta del 19% per le spese per la frequenza di scuole dell’infanzia e secondaria (640 euro per il 2016, 750 euro per il 2017 e 800 euro dal 2018).

Premio di produttività. Sono stati aumentati da 2.000 a 3.000 euro (4.000 per i casi in cui si abbia il coinvolgimento paritetico dei lavoratori nell’organizzazione del lavoro) dei premi di risultato soggetti a imposta del 10% sostitutiva dell’Irpef e addizionali.

È  stata anche ampliata la platea dei possibili beneficiari, innalzando a 80mila euro la soglia massima di reddito di lavoro dipendente entro cui è possibile usufruire dell’agevolazione.

Pubblica i tuoi commenti