A Parigi apre il nuovo Refettorio di Food for Soul, l’associazione fondata da Massimo Bottura

refettorio

Aprirà il 15 Marzo a Parigi il nuovo refettorio di Food for Soul, l’associazione no-profit fondata da Massimo Bottura. La mensa comunitaria è situata nella cripta della chiesa della Madeleine, un simbolo storico nel cuore della città, e sarà gestita in collaborazione con il ristorante Le Foyer de la Madeleine. Offrirà un servizio di mensa serale ai più vulnerabili della città, trasformando ingredienti provenienti da eccedenze alimentari in pasti nutrienti.

Il Refettorio Paris  è anche un progetto culturale che considera etica ed estetica come una cosa sola. E’ per questo che artisti, architetti e designer hanno collaborato per trasformare il ristorante del Foyer de la Madeleine in uno spazio ancora più accogliente e stimolante. Gli artisti francesi JR e Prune Nourry, conosciuti in tutto il mondo per le loro installazioni multidisciplinari in spazi pubblici, hanno creato delle opere appositamente per il sito. Inoltre, inviteranno altri numerosi artisti a collaborare alla storia e all’identità del Refettorio Paris nel corso degli anni, a cominciare dalla giovane artista afgana Kubra Khademi. A collaborare al progetto sono inoltre l’architetto Nicola Delon, cofondatore di Encore Heureux Architectes, e il designer Ramy Fischler, fondatore dell’agenzia RF Studio. Entrambi sono riconosciuti per i loro progetti di riuso dei materiali, i cui si inscrive anche il Refettorio Paris.

Chef provenienti da Parigi, dalla Francia e dal mondo intero sono stati chiamati all’azione da Massimo Bottura per preparare dei pasti completi ed equilibrati a partire da ingredienti provenienti da surplus alimentare. Le eccedenze verranno fornite da Carrefour, il Banque Alimentaire e Phenix, una giovane impresa sociale impegnata nella lotta contro lo spreco alimentare che opera come connettore tra supermercati e associazioni di carità. Tutte le sere, dal lunedì al venerdì, un team di volontari servirà i pasti direttamente a tavola e accoglierà gli ospiti provenienti da condizioni di vulnerabilità sociale, principalmente individui senza fissa dimora, senza tetto, migranti e famiglie in difficoltà. Il Refettorio Paris si prefigge di servire 100 pasti al giorno utilizzando circa 130kg di ingredienti recuperati.

Oltre alla lotta contro lo spreco alimentare, il progetto mira a sensibilizzare anche sulla crescente problematica dell’isolamento sociale. Il Refettorio Paris non si limiterà alla semplice offerta del pasto. Attraverso il valore dell’ospitalità e della bellezza, invita ospiti, volontari, chef e l’intera comunità a un approccio olistico al nutrimento: che sia per il corpo, ma anche per l’anima.
Dopo l’apertura, Refettorio Paris porterà avanti le sue attività grazie al supporto di Food for Soul e del Foyer de la Madeleine e al coinvolgimento di studenti di cucina per la preparazione quotidiana dei pasti. Oltre al servizio di mensa, il Refettorio Paris ospiterà eventi, workshop e programmi di formazione per l’inserimento nel mondo del lavoro, sempre nell’ottica di stimolare e coinvolgere l’intera comunità nella lotta contro lo spreco alimentare e l’isolamento sociale.

L’apertura del Refettorio Paris è accompagnata dalla pubblicazione dell’edizione francese del libro di Massimo Bottura, Le Pain est d’or : Ingrédients ordinaires pour repas extraordinaires, edito da Phaidon. Il libro raccoglie storie, ricette ed esperienze di più di 50 chef intervenuti al Refettorio Ambrosiano, la prima mensa comunitaria aperta a Milano nel 2015. Parte dei ricavati verrà devoluta a Food for Soul per l’apertura di altre mense comunitarie come il Refettorio Paris in tutto il mondo.

Lascia un commento

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome