Doppio Malto Brew Restaurant apre 6 nuovi locali e assume 200 dipendenti

doppio malto brew restaurant

Dopo il successo delle prime aperture, il format Doppio Malto Brew Restaurant - proprietà di Food Brand Spa, azienda specializzata nella gestione di franchising del settore food retail - aprirà sei nuovi punti vendita in meno di tre mesi con la previsione di 200 nuove assunzioni.

Doppio Malto sono le birre nate ad Erba (Co) 13 anni fa dalla passione del mastro birraio Alessandro Campanini, e rese brand dall’intuizione dell’imprenditore Giovanni Porcu.  Parte integrante dell’identità del format sono le location dalla  struttura imponente: i Brew Restaurant ricalcano il modello delle classiche fabbriche di birra, con la possibilità di osservare all’interno del locale tutte le fasi di produzione: dalla cottura al confezionamento. Gli store di stampo americano, curati nei minimi dettagli, sono pensati come un luogo di ritrovo per gruppi di amici, famiglie e coppie.
La cucina offre piatti preparati utilizzando esclusivamente materie prime fresche: carne cotta alla brace, hamburger gourmet di manzo fresco, galletti ruspanti, focacce lievitate naturalmente, dolci fatti in casa.

Oltre all’area ristorante, ci sono anche laboratori di sperimentazione brassicola, il  beer shop, il corner dove trovare i principali oggetti di culto dell’appassionato di birra artigianale, come i growler, i tradizionali contenitori da 2 litri per la birra alla spina d’asporto.

Doppio Malto è una delle esperienze più coinvolgenti tra le produzioni artigianali d’Europa - dice Giovanni Porcu, Ceo e fondatore di Food Brand - Quando apriamo uno store vogliamo implementare la customer experience a 360°, a partire dalla comunicazione prima che il cliente entri nel locale, passando per l’esperienza gastronomica e di intrattenimento durante la visita, e con la fidelizzazione grazie all’elevata qualità del prodotto artigianale. Siamo in costante crescita grazie anche per il continuo lavoro di ricerca e selezione delle migliori materie prime insieme a un meticoloso lavoro di sperimentazione”.

 

Pubblica i tuoi commenti