Gli Italiani scelgono pollo e tacchino. Consumi +24% in 5 anni

pollo

Unaitalia, associazione di riferimento del settore avicolo italiano, ha diffuso i risultati di un’indagine dell’istituto di Ipsos nel corso della sua VI Assemblea Nazionale. Secondo questa ricerca, gli italiani italiani sono sempre più attratti dalle carni di pollo e tacchino, con un aumento dei consumi del 24% negli ultimi cinque anni.

Le carni bianche oggi sono la principale fonte di proteine degli italiani e vengono consumate regolarmente dal 54% della popolazione. Altra importante notizia: il 100% del pollo consumato al di qua delle Alpi è Made in Italy, ma 6 italiani su 10 ancora non lo sanno. Il 70% degli italiani ha un giudizio positivo del settore, il 61% si fida dei produttori che, fra l’altro, hanno ridotto del 63% l’uso di antibiotici negli allevamenti avicoli italiani. Il settore, in conclusisione, continua a creare valore con 5.850 milioni di euro di fatturato nel 2017, in crescita rispetto al 2016 di circa il 7%.

L’Assemblea di Unaitalia è stata anche l’occasione per il rinnovo dei vertici dell’associazione, con la nomina a Presidente di Antonio Forlini, che ha preso il posto di Aldo Muraro, figura storica dell’avicoltura nazionale, scomparso nel marzo scorso. Teramano di 58 anni, Antonio Forlini ha una laurea in Giurisprudenza e un master Mba alla Bocconi di Milano. Dal 1996 è dirigente del Gruppo nel quale ha ricoperto il ruolo di direttore del personale.

«La nostra è una filiera italiana – ha dichiarato il neopresidente – che genera valore per tutto il Paese sia in termini di occupazione, valori sociali ed economici, sia in termini di benessere dei consumatori e del territorio. Gli italiani scelgono le carni bianche per il loro ottimo profilo nutrizionale, ma anche perché esiste una straordinaria capacità delle nostre aziende e dei nostri allevatori di offrire un prodotto di assoluta qualità, che risponde perfettamente alla domanda dei consumatori che vogliono alimenti buoni e sani, alleati della salute e del benessere e prodotti in modo sostenibile

.

Lascia un commento

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome