“Una amatriciana per Amatrice”. I ristoratori possono partecipare con un click

amatriciana per amatrice

Tra le molte iniziative che fanno della ricetta dell’amatriciana uno strumento di concreta solidarietà con le popolazioni colpite dal sisma, c’è anche “Una amatriciana per Amatrice”, promossa da Confesercenti e dall'associazione Città del Vino (che riunisce 450 comuni a vocazione enogastronomica).

amatriceQuesta campagna di solidarietà si segnala perché coinvolge ristoranti italiani e stranieri con una modalità di adesione molto semplice: per iscriversi basta iscriversi sul sito www.unamatricianaperamatrice.it
Dopo l’iscrizione, i ristoratori riceveranno le locandine ed il materiale informativo relativo alla procedura da adottare, in italiano e presto anche inglese.

Ecco i particolari: nella settimana dal 12 al 18 settembre, in un giorno a loro scelta, ristoratori (italiani e stranieri) inseriranno nel loro menu un piatto di pasta all’amatriciana. L’importo pagato dai clienti per quella voce del conto verrà interamente versato in un fondo (IBAN IT 23A 03127 03200 000000015000) finalizzato alla ricostruzione e al sostegno delle attività della ristorazione, del commercio e della ricettività dei comuni di Amatrice,  Accumuli, Arquata del Tronto e Pescara del Tronto.

L’obiettivo di Confcommercio e Città del Vino è di arrivare a servire oltre 100mila amatriciane. L’iniziativa è aperta a tutti i ristoratori, non solo italiani.

Pubblica i tuoi commenti