“Freccianera Collection” nuova testimonial di Fratelli Berlucchi

 

Ora è il vino a parlare di Fratelli Berlucchi e non più il contrario. Il segno del cambiamento si chiama Freccianera Collection, una famiglia composta da: Freccianera Brut, Freccianera Rosa, Freccianera Satèn e Freccianera Nature.
Nuove le etichette, create dallo studio Mediane Création di Parigi, nuovo il concept di marketing per un’offerta dove il naming sostiene tutto il cambiamento.

Freccianera Collection è composta solo da Franciacorta ottenuti da uve Chardonnay, Pinot Nero e Pinot Bianco con il metodo classico della rifermentazione in bottiglia (metodo Franciacorta) e sono tutti millesimati, ovvero maturati per più di 37 mesi – più di 30 a contatto con i lieviti in bottiglia – e datati sull’etichetta con l’anno di vendemmia, composti pertanto per oltre il 90% di uve raccolte in quello stesso anno e per questo molto caratterizzati nel profumo e nel sapore.

La Collection comprende il Freccianera Brut, dal bouquet agile e fresco e dal sapore secco e brillante; il Freccianera Rosa, realizzato con aggiunta di Pinot nero vinificato in rosato, dal sapore fine e armonico; il Freccianera Satèn, dal caratteristico perlage sottile, dal profumo raffinato e dal sapore morbido e carezzevole, recentemente Silver Medal al prestigioso The Champagne & Sparkling Wine World Championships, di Tom Stevenson, infine il Freccianera Nature, pieno e armonico, particolarmente secco perché ottenuto senza aggiunta di liqueur.

Di proprietà dei quattro fratelli Berlucchi, Marcello, Roberto, Gabriella e Pia Donata – dopo la recente scomparsa del più anziano Francesco – la storica cantina mantiene da sempre il nome di famiglia in tutte le sue etichette e con 400.000 bottiglie prodotte l’anno si rivolge ai migliori ristoranti ed enoteche in Italia, Europa, Stati Uniti, Messico, India, Cina e Giappone.
Con un occhio di riguardo alla cultura eco-ambientale, l’azienda lavora 70 ettari di vigneti coltivati a guyot e cordone permanente speronato, la vendemmia è fatta rigorosamente a mano e la vinificazione è curata tanto in centenarie botti di rovere quanto in modernissimi tini d’acciaio, metodo che coniuga gesti antichi con le nuove tecnologie agrarie.

                 

Lascia un commento

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome