Il più bravo maître d’Italia? È a Cortina

I migliori maître italiani si sono sfidati nella ormai tradizionale competizione organizzata da Amira, l’Associazione Maîtres Italiani Ristoranti ed Alberghi che dal 1955, tramite diverse attività, crea occasioni d’incontro e di discussione sulle problematiche relative al settore della ristorazione e dell’ospitalità in genere.

Dopo alcune sfide e una gara finale - tema, il dessert: "La mela trentina dal trancio al flambé” - il Premio Maitre dell’anno è andato a Giulio Bonora, classe 1975, maître dell’Hotel Cristallo Spa & Golf, 5 stelle lusso di Cortina d'Ampezzo.

Un’opportunità di creazione e rivisitazione delle proposte tradizionali che si è rivelata vincente per Bonora che, con un altro membro del team del Cristallo, Francesco Faella (alla competizione partecipavano due concorrenti insieme, in un tempo complessivo di 25 minuti), si è presentato con la ricetta “Adamo ed Eva”, una sinfonia di sapori declinati sul gusto della mela arricchito da ingredienti capaci di esaltarne il sapore, come granella di biscotto, cioccolato, menta.

Giulio Bonora ha collezionato esperienze lavorative in strutture alberghiere di rilievo a St. Moritz, Courmayer ma anche in Sardegna, dove è stato Campione Regionale Maitre dell’anno nel 2009, e in Emilia Romagna. Dal 2007 è Restaurant Manager del Cristallo Hotel.

Un riconoscimento che si aggiunge ai molti altri che la struttura alberghiera sta  ricevendo con le nuove proposte e attività, in linea con le esigenze dei propri clienti, come la nuova pista di pattinaggio ecologica, posta sulla terrazza panoramica del “Bar La Terrazza”, o la partnership con la gara automobilistica WinteRace 2015, che si svolgerà dal 5 al 7 marzo a Cortina.

 

Pubblica i tuoi commenti