Gricia e trippa, così Colonna sfida Milano

Open Colonna Milano
La sala dell'Open Colonna Milano

Antonello Colonna, lo chef stellato di Labico (Roma) a ottobre ha aperto a Milano Open Colonna, formula già sperimentata a Roma. Un locale moderno, dotato di tavoli tondi o quadrati dalle linee minimal e di una grande sharing table di fronte alla cucina a vista. Non solo: il ristorante gode anche di una invitante corte interna, fruibile con la bella stagione. La proposta è incentrata sulla cucina romana e su creazioni dello chef, nel segno dell’alta cucina e dei sapori italiani. Con qualche “omaggio” alla milanesità, come la cotoletta.

A circa due mesi dall’apertura, abbiamo chiesto allo chef di raccontarci l’idea di fondo del nuovo locale: «Milano ha i suoi riti, le sue esigenze ma è esattamente come le altre città: anche qui il cliente cerca una cucina buona, un buon servizio e un posto accogliente. Il concetto di all day dining che avevamo pensato fosse importante per una città mitteleuropea come Milano, alla fin fine non è produttivo, per lo meno nella zona dove si trova l’Open: gli avventori sono soprattutto “colletti bianchi”, il turista interessato a una cucina non stop transita altrove. Per i nostri clienti è importante invece la libertà che il menu consente, che ritengo preferibile alle proposte business lunch a prezzo fisso. Così a pranzo c’è chi sceglie anche solo un primo e non arriva a spendere 20 euro, o chi sceglie di gustare più piatti dalla carta. Le ricette che “tirano” di più? Oltre ai Romanissimi, la trippa»

Lascia un commento

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome