Dessert a misura di chef

Foodservice –

Nestlé Professional lancia Docello, brand mondiale che firma semilavorati per la preparazione di dolci e topping per la decorazione. Prodotti pensati per ottimizzare tempi e profitti

Sappiamo che il dessert rappresenta per il ristoratore un momento topico, per due motivi. Primo, a livello economico, rappresenta un’innegabile opportunità di guadagno. Secondo, è spesso una sfida a livello organizzativo in quanto comporta un surplus di lavoro in cucina, che può mettere in crisi soprattutto le piccole brigate dove manca un professionista dedicato alla preparazione dei dolci.
Lo sanno molto bene i ricercatori di Nestlé Professional che studiando i menù dei più celebri ristoranti nel mondo hanno messo a punto un’innovativa gamma di semilavorati in polvere e topping battezzata Docello, che consente di ottimizzare tempi e profitti.

Effetto personalizzazione

Il risultato è un ventaglio di dessert rappresentativi delle specialità dolciarie di ogni Paese. Ad esempio, la Catalogna è presente con la sua famosa crema, la Francia con la sua mousse “au chocolat” e l’Italia con la sua Panna Cotta e l’immancabile Tiramisù.
Il punto di forza della gamma è la versatilità dei prodotti: Docello vuole infatti “stimolare” la creatività che ogni chef possiede, permettendogli di esprimerla in forme diverse e del tutto originali. Basta infatti giocare con l’aggiunta di ingredienti diversi o utilizzare tecniche di preparazione differenti per personalizzare il dessert e creare monoporzioni degne del migliore pasticcere.
«Quella della preparazione - afferma Raffaella Severi, category manager food di Nestlé Professional- è infatti l’area in cui gli chef scendono di solito maggiormente a compromessi e quella in cui è più difficile far convivere l’ambizione di proporre un’offerta varia, personalizzata e allettante e il contenimento dei costi, nonostante rappresenti la portata con più alto margine di guadagno per il ristoratore».

Cucine sempre più piccole

«Senza contare - aggiunge la manager - che la preparazione del dessert è un’operazione tra le più complicate poiché necessita di abilità particolari e richiede molto tempo. Inoltre oggi le cucine sono sempre più piccole e meno attrezzate e gli chef sono generalmente più concentrati sulle portate principali; non c’è dunque tempo per il dessert, e ciò limita sia la varietà della carta che la personalizzazione dell’offerta, spingendo il ristoratore ad acquistarlo all’esterno».
I semilavorati e i topping Nestlé Docello sono in questo senso una soluzione che promette non solo di preparare il dessert con semplici passaggi, ma anche di garantire il controllo del food cost: basti penare che una porzione di panna cotta ha un costo complesssivo di 30 centesimi.

Pubblica i tuoi commenti