Festival internazionale della cucina d’autore a Portico di Romagna (Fo). In strada, con importanti chef europei

portico di romagna

Un incantevole borgo medioevale, un’intera strada illuminata da candele e trasformata in un ristorante sotto le stelle e 10 chef provenienti soprattutto dal Nord Europa più due italiani a fare gli onori di casa.
Anche quest’anno Portico di Romagna, in provincia di Forlì, per un giorno si trasforma in un prestigioso laboratorio internazionale di cucina. L’ottava edizione di Chef Sotto il Portico, si aprirà nella centralissima via Roma sabato 8 luglio a partire dalle 19.00 e proseguirà domenica 9 dalle 12.00 alle 14.00. L’evento è stato ideato dal Ristorante Al Vecchio Convento ed è promosso dalla Proloco di Portico di Romagna con il contributo del Comune di Portico di Romagna.

Ci saranno i danesi Jacob Moller e Thomas Damgard, per anni titolari del Ristorante Frederiksiioj di Arhus e secondi ai campionati mondiali di cucina Bocouse d’hors a Lione. Jacob Moller preparerà gamberoni tigre saltati con avocado, vinegrette di soia e spuma di burro scuro norvegese, Thomas Damgard un cioccolato croccante con frutti di bosco e crumble.
Dalla Finlandia arriverà Mikael Mihaigiovane chef dell’Hilton Helsinki Airport e del Ristorante Gui sempre ad Helsinki. Semifinalista al concorso internazionale San Pellegrino per giovani chef emergenti, preparerà tartara di scottona con gelato di galletti all’azoto liquido, germogli di pino marinati, licheni essiccati, spuma di salsa bernese.
Dalla lontana Islanda giungeranno Birna Blöndal e Freyr Karel Branolte, entrambi chef nel ristorante Kolabrautin di Reykjavik. Offriranno trota affumicata islandese con cavolfiore e aneto e pane di segale e una spuma di skyr (yogurt islandese) con composta di lamponi con liquerizia e polvere di olio di oliva e meringa alle olive verdi.
Nutrita la compagine in arrivo dal Regno Unito. Ci sarà lo scozzese Hughies Mac Donald, chef freelance che proporrà una pancetta di maiale con pelle croccante su una composta di mele calvados servita con piccole mele al toffee. Scott Forte, anch’egli scozzese ma attivo a Londra, proporrà un’anatra in tre versioni: all’arancia, con pancake aromatico e infine i bon-bon d’anatra e pelle croccante all’arancia. Marco Alvarez, chef nel ristorante Nobu di Londra, presenterà l’uramaki, croccanti di miso , salmone e platano con mousse di avocado, zenzero marinato e sale di soia con polvere di miso. Nicola Ongaro chef italiano dell’Hotel Grown house di Londra, servirà un rotolo di ricotta di soia con salsa korma e vegetali affumicati, bistecca di tofu fritto marinato, salsa di latte di cocco, zenzero lime, cetriolo e zucchine agrodolci. E ci sarà anche Alex Zuber, chef che lavora nel Principato di Monaco, a Saint Moritz e a Stoccolma. Proporrà un cheeseburger con carne chianina e patate e un mix di salse homemade.
Quanto ai padroni di casa, i fratelli Matteo Cameli e Massimiliano Cameli del Ristorante Albergo “Al Vecchio Convento”, presenteranno uno spaghettone canapa e basilico shakerati e fiori di zucca ripieni di ricotta artigianale della Romagna-Toscana con crema di scalogno e zafferano, brunoise del sottobosco.

I ticket per assaggiare le portate desiderate e i calici si possono acquistare all’ingrosso del paese. 1 piatto costerà 7 euro, 1 calice 3,50.

 

 

 

Lascia un commento

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome