Per i futuri cuochi di Amatrice, preparazione di alto livello grazie alla solidarietà di importanti chef

amatrice

Per cominciare, una full imersion di due giorni per gli studenti dell’Istituto Alberghiero di Amatrice sull’uso del lievito madre in panificazione, in pizzeria e in cucina, sulla selezione delle farine e i metodi d’impasto. A guidarli, c'era Renato Bosco, chef patron del ristorante Saporè di Verona.

È partito presso la sede provvisoria di Rieti "Fare Formazione" un ciclo di lezioni organizzate dall’Associazione Italiana Ambasciatori del Gusto in collaborazione con dell’Istituto Alberghiero di Amatrice.

Il progetto è stato realizzato grazie ai fondi raccolti il 2 ottobre a Roma durante la cena di beneficenza “7 Chef per Amatrice” preparata da sette Ambasciatori del Gusto: Antonello Colonna, Enrico Bartolini, Paolo Brunelli, Martina Caruso, Pietro Leemann e Francesco e Salvatore Salvo.
Sono stati raccolti  10.000 euro interamente investiti in "Fare Formazione”.

Dopo Renato Bosco, i prossimi “chef-docenti” saranno i fratelli Sandro e Maurizio Serva del ristorante La Trota di Rivodutri, che insegneranno agli studenti come “Riscoprire e valorizzare il pesce d’acqua dolce”. Sarà poi la volta di Marco Stabile dell’Ora d’aria di Firenze, che mostrerà ai ragazzi i diversi modi di cucinare la carne. A seguire, Mariella Caputo e Marco Reitano di Taverna del Capitano di Massa Lubrense e La Pergola di Roma si occuperanno di accoglienza, servizio in sala e ruolo del sommelier. A chiudere il ciclo di lezioni, sarà lo chef stellato Carlo Cracco, che affronterà con gli studenti il tema “Cucinare insieme”. Proprio accanto a Cracco i ragazzi avranno l’opportunità di percorrere l’intero processo di creazione di una cena, dal pensiero del menu alla realizzazione dei piatti, dalla scelta della presentazione e della mise en place al servizio al tavolo.

 

Pubblica i tuoi commenti