Un bistrot siciliano in salsa milanese

La sala di Uovo di Seppia Milano.
Nell’Ariosto social Club il 2 stelle Pino Cuttaia de la Madia di Licata apre a Milano Uovo di Seppia. Dove la cucina è una fusion siculo-lombarda


Lo scorso 3 dicembre, lo chef siciliano Pino Cuttaia ha inaugurato Uovo di Seppia Milano, il bistrot che segna il suo debutto nel capoluogo lombardo. Il locale è all’interno di Ariosto Social Club (di cui Emanuele Vitrano Catania è titolare), uno spazio che ospita appartamenti di lusso per affitti brevi, oltre a una gym e spa e la boutique di Valeria Benatti.

«Finalmente inizia la mia avventura a Milano, aspettavo solo il momento e il progetto giusto - afferma Cuttaia -. Ariosto Social Club è uno spazio innovativo che racchiude in un unico luogo stile e comfort. Io farò la mia parte per consentire agli ospiti di vivere un’esperienza da ricordare. Costruirò un’alchimia tra la mia Sicilia e il Nord Italia». Da questo incontro nascono piatti come il risotto allo zafferano con ragù di triglia e finocchietto, che, alla fine, dice lo chef, non è altro che un'arancina scomposta: «La cucina è il luogo per reinventare i ricordi, trasformandoli in piatti che celebrano stagioni e simboli della storia gastronomica della Sicilia e non solo». Così, nel menu dell’apertura troviamo proposte come il Macco di fave e seppia, l’Involtino di pesce spada con caponata croccante, il Baccalà di carciofi tra gli antipasti, o lo Spaghetto “alla milanese” con mollicata alle cipolle tra i primi.

Le tonalità dominanti degli interni sono quelle dell’oro e del verde, alternate al bianco e al legno. Gli arredi sono disegnati dallo studio Colombo e Omodeo Salè e realizzati su misura. Le luci sono state studiate in collaborazione con Stefano Baffigi di Black-Out.

 

Lascia un commento

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome