A Torino il Bocuse d’Or e la Coupe du Monde de la Pâtisserie. Cracco in giuria

bocuse d'or

Per la prima volta l’Italia ospiterà il Bocuse d’Or e la Coupe du Monde de la Pâtisserie. Torino la città prescelta ed è qui che si svolgeranno le selezioni continentali delle Olimpiadi d’alta cucina. Si comincerà domenica 10 giugno all’Oval Lingotto con la selezione europea della gloriosa competizione della pasticceria mondiale, fondata a Lione nel 1989 dal grande maestro pasticciere Gabriel Paillasson.

Si proseguirà lunedì 11 e martedì 12 giugno, sempre all’Oval, con la più grande competizione enogastronomica mondiale inventata da monsieur Paul Bocuse, padre della cucina francese moderna. Per l'importantissimo contest, 20 team delle nazionali d’Europa si contenderanno la qualificazione per la finale mondiale, in programma a Lione a gennaio 2019. La giuria, composta da 14 grandi chef, sarà presieduta dal cuoco ungherese Tamás Széll, vincitore della selezione europea di Budapest nel 2016 e quarto all’ultima finale mondiale a Lione nel 2017, dallo chef italiano Carlo Cracco, allievo del maestro Gualtiero Marchesi e Presidente d’Onore, insieme a Jérôme Bocuse, figlio del fondatore, ed Enrico Crippa, Presidente del Bocuse d’Or Europe 2018.

Le nazioni in gara sono: Polonia, Belgio, Islanda, Ungheria, Germania, Paesi Bassi, Spagna, Francia, Svizzera e Regno Unito, Russia, Svezia, Croazia, Finlandia, Norvegia, Danimarca, Italia, Bulgaria, Estonia e Turchia.  Le selezioni dovranno cimentarsi in due prove. I prodotti  piemontesi per la seconda preparazione sono: filetti di manzo di Fassone, riso di Baraggia biellese dop e vercellese di Sant'Andrea, animelle di vitello igp.

Pubblica i tuoi commenti