L’Arte dei Pizzaiuoli Napoletani candidata a bene Unesco dell’Umanità

 

La decisione della Commissione di valutazione nazionale per l’Unesco, riunita a Roma,  è stata unanime:  sarà la procedura tramandata dai pizzaiuoli napoletani a a essere candidata all’iscrizione nella Lista Rappresentativa del Patrimonio Culturale Immateriale dell’Umanità.

«È con grande soddisfazione – ha dichiarato  Alfonso Pecoraro Scanio, promotore della campagna #pizzaUnesco e già Ministro dell’Agricoltura – che ho accolto questo importante voto. Ringrazio gli oltre 850.000 firmatari della petizione, tutte le associazioni che hanno aderito e in particolare la Commissione Italiana Unesco e tutti i ministeri che hanno espresso un voto unanime per questa candidatura. Ora serve il massimo impegno per ottenere l’iscrizione nel registro mondiale e la tutela di questa tradizione che riguarda uno dei prodotti più noti al mondo».

La prossima tappa della campagna mondiale #pizzaUnesco sarà a Parigi il 14 marzo dalle 18:30 per la consegna ufficiale alla sede mondiale Unesco, in Place de Fontenoy, del primo milione di firme raccolte dalla petizione.

 

 

 

Lascia un commento

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome