Come siamo messi a ostriche sul menu dell’estate? Nel caso c’è I Love Ostrica

I love ostrica

Era ora che anche noi italiani, che siamo porta a porta con i francesi, ci accorgessimo di quanto siano buone le ostriche. Pur essendo appassionati di quasi tutto quanto giunga dal mare, non abbiamo mai dimostrato di avere per l’ostrica quell’occhio di riguardo che invece merita. Non sto parlando di me che ne sono appassionato, ma proprio per questo posso testimoniare quanto scarsa sia la loro presenza nei mercati, nei ristoranti e nelle case.

A dare una mano a noi estimatori ci ha pensato Luca Nicoli, che si è messo in testa l’incredibile idea di far diventare Bergamo, la sua città, la capitale italiana dell’ostrica. Perché no? In fondo, anche Parigi è lontana dal mare.
Oggi Nicoli è uno dei massimi esperti di ostriche in Italia. Nel 2007 ha fondato La Piazzetta del Pesce, un e-commerce e delivery di pescato di altissima qualità rivolto a ristoranti e privati, che offre trenta diversi tipi di ostriche, dalle varietà francesi a quelle italiane fino a quelle nord europee. Dopo ha creato I Love Ostrica, finestra sul mondo del luxury fish che propone, sia a privati sia alle aziende, show cooking, chef a domicilio, serate didattiche e masterclass.

 Ai ristoratori in particolare, gli esperti di I love Ostrica suggeriscono i prodotti più adatti ai loro menù.
E’ stata presa in considerazione anche la formazione: per divulgare la cultura dell’ostrica, l’ “Oyster Academy” organizza serate didattiche e degustazioni a tema con la conduzione di esperti che raccontano la storia di ogni prodotto e le sue caratteristiche, consigliando i modi migliori per esaltarne il sapore anche in abbinamento a vini, birre e distillati.

Infine, il servizio catering ed eventi: su richiesta, vengono organizzati eventi con ostriche, coquillages e crudi di mare su esclusivi corner personalizzabili, quindi anche realizzati per l’occasione.

 

 

Lascia un commento

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome