Piatti belli da fotografare? Postateli su Istagram (e fateli postare)

Attorno alla cucina e al buon cibo c’è grande interesse e passione: ecco perché Instagram può essere uno strumento valido per fidelizzare i clienti del ristorante. Molti utenti, soprattutto giovani, usano già questo social network per postare le foto dei piatti preferiti e delle loro creazioni culinarie: si tratta di coinvolgerli, sia condividendo fotografie avvincenti sia stimolandoli a dare il proprio contributo con riconoscimenti, che possono essere sconti ma anche la realizzazione delle loro ricette o l’esposizione delle loro immagini.

«Social network come Facebook, Google+, YouTube e Instagram sono utili per costruire una relazione con il cliente - spiega Margherita Pagani, docente di web marketing all’Emlyon Business School (Francia) -. La logica è creare un coinvolgimento, stimolando un comportamento attivo».

La specificità di Instagram è quella di essere un social network (ci si registra una volta installata l’app sul proprio smartphone), che consente di postare e di condividere, con gli altri utenti iscritti, delle foto, accompagnate da hashtag che ne identificano il tema e attraverso il quale sono ricercabili. Dopo aver aperto un profilo (che si può gestire anche da pc) e aver scelto un hashtag dedicato al ristorante, si può quindi usare Instagram per condividere fotografie dei piatti del menu o di come vengono preparate le ricette, dello chef al lavoro o anche del locale; oltre al proprio hashtag, conviene inserire anche quelli più popolari relativi alla cucina e al cibo (esempi sono #food #instafood #dinner #lunch #breakfast #foodpic #foodpics o anche italiani come #cibo, #torta, #dolci, #pesce), in modo da raggiungere un pubblico più vasto, ed esprimere apprezzamento (cliccando il cuoricino sotto le foto) per le immagini degli altri.

Ancora più interessante è però coinvolgere gli utenti. «Si può chiedere di seguire il profilo, di postare foto delle proprie creazioni in cucina, ma anche di condividere e votare le immagini dei piatti del menu del locale - continua Pagani -. È molto importante offrire un vantaggio, che può essere o di tipo sociale o economico». Per esempio si può premiare chi posta una fotografia del piatto ordinato nel ristorante, accompagnata dall’hashtag dedicato, con uno sconto, oppure invitare gli ospiti a condividere le immagini delle varie portate sul social network in modo da creare un menu su Instagram, offrendo in cambio l’esposizione degli scatti nel locale.

Un modo per stimolare un comportamento attivo è anche organizzare concorsi, con in palio per esempio una cena, oppure la realizzazione del piatto che ha ricevuto più preferenze. Per farlo occorre scegliere un tema: può essere il cibo preferito, l’immagine più bella di una portata del ristorante, le ricetta più creativa tra quelle dei concorrenti, e così via. È indispensabile scegliere un hashtag per il contest e decidere se saranno gli utenti a scegliere il vincitore votandolo, oppure se sarà selezionato direttamente dal ristorante. «L’uso di Instagram - conclude Pagani - deve essere integrato con quello degli altri social per creare una relazione sempre più stretta con i clienti».

Pubblica i tuoi commenti